Il Governo si impegni a varare misure urgenti per salvare le imprese sarde che rischiano di chiudere a causa della pandemia

«Il Governo si impegni a varare misure urgenti per salvare le imprese sarde che rischiano di chiudere a causa della pandemia. Il COVID ha accentuato...

Primo maggio

L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro, recita la nostra Costituzione. Il lavoro è alla base della vita dell’uomo, è un diritto...

Il settore automobilistico italiano rischia di perdere la corsa verso le motorizzazioni elettriche

Mentre il Governo si limita a parlare di transizione green, il settore automobilistico italiano rischia di perdere la corsa verso la riconversione...

Sardegna cancellata dalla mappa della ripresa

Sardegna cancellata dalla mappa della ripresa: dall’insularità, alle infrastrutture, il Pnrr ignora i ritardi che bloccano da sempre lo sviluppo dell’Isola».

Dirette su Politica, Società e Sostenibilità. Martedì parleremo di: Consumo di suolo

Ringrazio Marco Zullo per avermi invitato e Vi aspettiamo martedì 20 aprile alle 18:00 per il ciclo di dirette su Politica, Società e...
Primo maggio

Primo maggio

L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro, recita la nostra Costituzione. Il lavoro è alla base della vita dell’uomo, è un diritto...

Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons
da Andrea Vallascas | 25/07/2021 | Facebook

#EmergenzaIncendi

INFERNO DI FUOCO IN SARDEGNA
Diecimila ettari di aree boschive andate in fumo!

“QUANDO SI INIZIERÀ AD INVESTIRE SERIAMENTE SULL’AMBIENTE E LA CURA DEL TERRITORIO?”

Le terribili immagini dello spaventoso rogo, forse anche di natura dolosa che ha devastato vasti territori dell’Oristanese, le cui fiamme vengono domate con fatica in queste ore, pongono ancora una volta il problema della prevenzione, della cura delle aree boschive e del territorio e dei controlli sulle azioni dolose con valutazioni inevitabili su inasprimento delle pene per chi compie atti criminali contro il patrimonio ambientale.

Al momento, con il dolore nel cuore per quelle immagini di morte e distruzione che continuano ad arrivare incessantemente, possiamo solo ringraziare i vigili del fuoco, la protezione civile e i volontari che stanno tentando di affrontare e gestire l’emergenza.

Nel dare massima solidarietà al popolo sardo, non possiamo che chiedere sia dichiarato immediatamente lo STATO di CALAMITÀ! Ma neanche questo basterà quando si farà la conta dei danni. Urge una riflessione serissima su come intendiamo porci nell’immediato futuro verso la nostra madre terra e come intendiamo ristabilire un equilibrio con il nostro martoriato pianeta e tutte le creature viventi che lo popolano. Ricordiamoci che distruggendo il nostro habitat distruggiamo noi stessi e il futuro dei nostri figli!

La politica sta facendo molto poco a riguardo e chi manifesta inerzia e insensibilità dinnanzi a questi temi, è complice. È tempo di svegliarsi e reagire.

#LAlternativaCE
... Leggi tuttoSee Less

da Andrea Vallascas | 25/07/2021 | Facebook

COMUNICATO STAMPA

Cabras, Corda, Vallascas (AC): «E' ora di dire basta alla piaga degli incendi»

Cagliari, 25 lug. - “Esprimiamo solidarietà e vicinanza alle comunità del Montiferru e della Planargia, ferocemente colpite proprio nel bene più prezioso, l'ambiente, attorno al quale hanno saputo costruire un delicato sistema economico incentrato su sostenibilità ed eccellenza. Se dietro a tutto questo ci dovesse essere una mano criminale, questa sarebbe doppiamente scellerata. La Regione si attivi subito per il riconoscimento dello stato di calamità".
È quanto affermano di deputati de l'Alternativa c'è Pino Cabras, Emanuela Corda e Andrea Vallascas, in merito all'incendio che ha causato ingenti danni a vaste porzioni del territorio della Sardegna.
“E' necessaria - spiegano - una mobilitazione a tutti i livelli istituzionali per garantire un sostegno alle comunità e alle imprese colpite. E, allo stesso modo, è urgente approntare un sistema di controlli e vigilanza dei territori per prevenire e intervenire con tempestività. E' ora di dire basta alla piaga degli incendi che sta mettendo in ginocchio la nostra terra".
... Leggi tuttoSee Less

Oggi in aula stiamo intervenendo per opporci al #decretosemplificazioni voluto dal #governodeimigliori allinterno del quale sono presenti investimenti e semplificazioni che nulla hanno a che vedere con la #transizionecologica.
 #opposizione #lalternativace
da Andrea Vallascas | 23/07/2021 | Facebook

Oggi in aula stiamo intervenendo per opporci al #decretosemplificazioni voluto dal #governodeimigliori all'interno del quale sono presenti investimenti e semplificazioni che nulla hanno a che vedere con la #transizionecologica.
#opposizione #lalternativace
... Leggi tuttoSee Less

da Andrea Vallascas | 23/07/2021 | Facebook

#DirittiCostituzionali

NO A QUESTO GREEN PASS, DRAGHI TORNI SUI SUOI PASSI!

I vaccini anticovid hanno dimostrato una buona efficacia nella riduzione delle forme gravi della malattia, delle ospedalizzazioni e dei decessi, e sono quindi uno strumento importante, ma allo stesso tempo si sono rivelati non in grado di arrestare la catena dei contagi, perché i soggetti vaccinati possono contagiarsi e contagiare.

È dunque folle pensare di concepire lo strumento del green pass incentrandolo praticamente solo sull'avvenuta vaccinazione. Di fatto significa obbligare i cittadini italiani a doversi vaccinare per poter anche solo prendere un caffè o mangiare una pizza. Una contrazione inedita di diritti e libertà fondamentali che non sarebbe neanche giustificata dalla certezza di essere immuni o di non poter portare il virus in giro.

Senza contare che questo green pass non permetterà in ogni caso di dismettere le mascherine, e potrebbe generare un controproducente effetto "rilassatezza" rispetto alle prescrizioni su igiene e distanziamento.

Il tutto sarebbe ancora più grave e inquietante se il decreto sul green pass annunciato da Draghi non prevedesse la gratuità dei tamponi.

In ogni caso, un conto sarebbe un green pass "soft" reso indispensabile solo per partecipare a grandi eventi che comportano assembramenti, altra cosa è renderlo obbligatorio anche solo per condividere basilari momenti di socialità in comuni bar, pizzerie, ristoranti.

Così com'è stato pensato e ideato, questo green pass draghiano è solo da rispedire al mittente!

Su questo tema faremo un’opposizione senza sconti affinché si prendano decisioni dettate dal buonsenso e basate sulle evidenze scientifiche!

#LAlternativaCE
... Leggi tuttoSee Less

Carica Altri Post