Saremar: «Il Governo sblocchi urgentemente i finanziamenti destinati alla Regione »

da | 9/03/2015 | Articoli | 0 commenti

COMUNICATO STAMPA

Saremar: «Il Governo sblocchi urgentemente i finanziamenti destinati alla Regione »

Dichiarazione del deputato Andrea Vallascas (M5S)

 

Cagliari, 8 marzo 2015 – «Il Governo intervenga urgentemente sulla questione Saremar sbloccando le risorse destinate alla Regione e pretestuosamente vincolate alla privatizzazione: un vero e proprio ricatto a cui la Sardegna non può sottostare perché rischia di compromettere, tra cessione ai privati e procedimento fallimentare in corso, un servizio fondamentale a garanzia della continuità interna e dei collegamenti con le isole minori».

E’ quanto afferma il deputato del Movimento 5 Stelle, Andrea Vallascas, nel sollecitare la risposta del Ministro alle Infrastrutture e Trasporti a un’interrogazione presentata alcune settimane fa in merito alla situazione di profonda crisi che sta attraversando la compagnia marittima oggi di proprietà della Regione Sardegna.

«Dopo l’ammissione dell’azienda alle procedure di concordato preventivo – spiega Vallascas – la situazione della Saremar è precipitata ulteriormente, ed è necessario pertanto che il Governo si pronunci su questioni centrali come la privatizzazione e i trasferimenti alla Regione, oltre 13 milioni e mezzo di euro l’anno, per dodici anni, bloccati dal 2012»

«La cessione ai privati dell’azienda – prosegue il deputato – è legata alla privatizzazione della Tirrenia che, a suo tempo, venne giustificata con la necessità di adempiere a imposizioni europee. Questa motivazione, si è scoperto, è falsa: l’Europa non ci ha mai chiesto di privatizzare la Tirrenia e tantomeno le sue controllate, come la Saremar».

«Oggi – aggiunge Vallascas – siamo di fronte all’assurdità di dare seguito a un provvedimento non necessario, con l’aggravante che la privatizzazione, se non viene bloccata, si attuerebbe nell’ambito di una procedura di fallimento, con il rischio concreto di uno smembramento o di una svendita a buon mercato della flotta senza alcuna garanzia per la continuità e la qualità dei servizi attualmente offerti».

«E’ necessario evitare tutto questo – conclude – facendo sì che la Saremar resti pubblica grazie alla disponibilità dei circa 13 milioni e mezzo di euro annui che lo Stato avrebbe dovuto trasferire dovuto trasferire per dodici anni alla Regione per la gestione dell’azienda, risorse bloccate dal 2012. Vincolare questi fondi alla privatizzazione non è altro che un ricatto che sta compromettendo un servizio fondamentale per i sardi, oltre a sperperare un patrimonio pubblico. Non si comprende perché la Regione non possa continuare agestire la Saremar, visto che ha già la proprietà dell’Arst, importante azienda di trasporto pubblico locale, con una situazione debitoria più importante di quella della compagni di navigazione. I debiti di Saremar derivano infatti dalla gestione di Flotta Sarda, per il resto l’azienda ha sempre avuto bilanci sani e in attivo. Ci sono quindi tutti i presupposti perché l’azienda resti nel controllo della Regione, salvaguardando in questo modo i servizi di collegamento».

fonte: www.andreavallascas.it

 

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati

Primo maggio

Primo maggio

L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro, recita la nostra Costituzione. Il lavoro è alla base della vita dell’uomo, è un diritto non negoziabile, deve essere retribuito in modo equo e proporzionato, deve rispondere ai talenti e all’impegno che viene...

Cicale e formiche

Cicale e formiche

Il Re del dumping fiscale, tale Rutte, a capo di un gruppo di Paesi che ogni anno dragano in modo elusivo miliardi di euro dalle casse degli altri Paesi europei

XI CONFERENZA NAZIONALE SULL’EFFICIENZA ENERGETICA

XI CONFERENZA NAZIONALE SULL’EFFICIENZA ENERGETICA

Un breve estratto del discorso presentato il 3 dicembre nel corso della XI CONFERENZA NAZIONALE SULL'EFFICIENZA ENERGETICA organizzato da "amici della terra" La riqualificazione energetica in edilizia e la rigenerazione del patrimonio immobiliare esistente...

Archivi