Idrogeno

Ruolo sempre maggiore dell’idrogeno nelle future politiche energetiche e industriali del Paese

L’idrogeno pulito da fonti rinnovabili è destinato ad avere un ruolo sempre maggiore nelle future politiche energetiche e industriali. Un futuro che si sta decidendo oggi con i progetti legati alle risorse del Recovery Fund e a quelli che accompagneranno la fase di transizione. Per questo, è importante conoscere sia le iniziative  e le strategie di politica industriale del Governo per lo sviluppo dell’idrogeno sia l’organismo incaricato di coordinare i numerosi progetti ad esso legati».

È quanto afferma il deputato del Movimento 5 stelle, Andrea Vallascas, che ha presentato un’interrogazione al Ministro dello sviluppo economico per conoscere i programmi del Governo in merito all’impiego e allo sviluppo per i prossimi anni dell’idrogeno nel nostro Paese, con particolare riguardo ai settori dell’industria e dei trasporti.

«La necessità di incrementare i livelli di sviluppo e di strategia in favore dell’idrogeno – spiega Vallascas – sono stati ribaditi dalla Camera dei Deputati in merito ai grandi progetti “Paese” previsti per la transizione. In particolare è stato ribadito il ruolo dell’idrogeno quale vettore e accumulo energetico e di ricerca per le tecnologie di produzione, stoccaggio e distribuzione in sicurezza, anche attraverso la realizzazione di progetti industriali dimostrativi».

«Questo interesse – prosegue – è stato dimostrato anche dal Ministro dello sviluppo economico nel corso dell’indagine conoscitiva sulle prospettive di adeguamento della Strategia energetica nazionale al Piano nazionale energia e clima per il 2030».

«Adesso – aggiunge Vallascas – si tratta di dare concretezza a questi orientamenti con  adeguati programmi e azioni che, in buona parte, sono già predisposti. Abbiamo l’opportunità di rilanciare l’economia in chiave di sostenibilità ambientale e sociale, di innovazione e competitività: l’idrogeno è sicuramente in grado di contribuire a rendere il sistema energetico sempre più sicuro, sostenibile e competitivo». «In questo quadro – conclude – auspico che venga individuato quanto prima il soggetto istituzionale che dovrà coordinare e attuare le numerose e articolate iniziative elaborate dal Mise per promuovere l’idrogeno. E questo sia all’interno del programma Next Generation Eu, per quanto riguarda industria e siderurgia, sia nell’ambito della politica industriale del Governo, con l’obiettivo di reindirizzare il sistema industriale e produttivo italiano verso processi e prodotti a basso impatto di emissioni di carbonio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.