MAIL PAC, SOLDI PUBBLICI BUTTATI VIA

da | 18/12/2014 | Atti parlamentari, Interrogazioni, Novità | 0 commenti

NOTA STAMPA

M5S: MAIL PAC, SOLDI PUBBLICI BUTTATI VIA

ROMA, 18 dicembre 2014 – “Solo l’ennesimo sperpero di denaro pubblico. La posta elettronica certificata Cec Pac era un progetto faraonico, inutile e dai costi assurdi, destinato al fallimento fin dalla sua presentazione.” Queste le parole del deputato Vallascas che oggi ha presentato un interrogazione per chiedere conto della condotta del governo sul questo spreco di denaro pubblico.

Che il servizio di Cec PAC (la posta elettronica certificata nata per dialogare solo con la pubblica amministrazione) rappresentasse solo un progetto inutile lo si capiva fin dall’inizio: esisteva, infatti, già una PEC (posta elettronica certificata) che poteva essere usata al suo posto, mentre l’istituzione di questo nuovo servizio ha comportato solamente dei costi talmente alti che la stessa agenzia per l’Italia digitale sembra non abbia avuto il coraggio di rendere pubblici. Conclude Vallascas: “Uno dei tanti progetti condivisi trasversalmente da tutti i partiti, che altro non fanno che sperperare denaro”.

Fonte: www.andreavallascas.it

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati

Consumo di suolo

Consumo di suolo

Per il ciclo di dirette su Politica, Società e Sostenibilità.In questa puntata parleremo di: Consumo di suoloInterverranno: Andrea Vallascas - Deputato Edoardo Bit - Architetto Letizia Trento - Consulente aziendale...

Troppi ritardi nell’assistenza e cura domiciliare

Troppi ritardi nell’assistenza e cura domiciliare

protocolli “Covid a casa” stentano a decollare in molte aree del Paese. Così risulta inefficace proprio il sistema che avrebbe dovuto garantire terapie tempestive a domicilio e alleggerire la pressione sugli ospedali

Archivi