Energia Oltre

G20, a Napoli il vertice della transizione ecologica: per la prima volta energia e clima insieme

Cingolani: la transizione ecologica non è un pranzo di gala, ma non abbiamo alternative La sostenibilità del Pianeta e la transizione ecologica sono centrali in questo G20. Mai come adesso nella storia, l’umanità si trova dover fare scelte di fondo a fronte di un rischio sostanziale per il benessere e la vita delle prossime generazioni. Mai prima di questo G20 l’economia circolare e l’interazione tra clima ed energia erano stati così centrali nelle discussioni ministeriali. Per la prima volta nella

L’articolo G20, a Napoli il vertice della transizione ecologica: per la prima volta energia e clima insieme proviene da Energia Oltre.

Cambiamenti climatici, perché non basta il solo impegno dei paesi Ocse

I paesi Ocse diminuiscono la dipendenza dal carbone, mentre quelli in via di sviluppo potrebbero utilizzare la fonte per i decenni a venire Chiudere le centrali elettriche a carbone è più difficile di quello che si pensi. Almeno per tutte le economie in via di sviluppo: la fonte è economica e conveniente, seppur immette nell’aria quantità record di anidride carbonica che ci allontanano dall’obiettivo emissioni nette pari a zero entro il 2050. Tutti i dettagli. I NUMERI Partiamo dai numeri.

L’articolo Cambiamenti climatici, perché non basta il solo impegno dei paesi Ocse proviene da Energia Oltre.

Usa, nuovo giro di vite contro i cyber attacchi alle infrastrutture energetiche

Le nuove regole, che potrebbero essere emanate già questa settimana dalla Transportation Security Administration Usa, rappresentano una seconda tranche di interventi da parte dell’agenzia dopo quelle emanate a maggio Sono pronte nuove regole per garantire una maggiore sicurezza informatica a oleodotti, gasdotti e impianti a gas negli Usa. L’amministrazione Biden ha infatti deciso di correre ai ripari dopo l’attacco hacker di qualche mese fa che ha temporaneamente paralizzato Colonial Pipeline, una delle più grandi infrastrutture energetiche statunitensi. NUOVE REGOLE FORSE

L’articolo Usa, nuovo giro di vite contro i cyber attacchi alle infrastrutture energetiche proviene da Energia Oltre.

Ultimi Articoli

Il treno passa ma l’Isola è ferma

Il treno passa ma l’Isola è ferma

Ancora una volta il treno passa e l'Isola si ferma e rimane a guardare, ostaggio di di una burocrazia incapace e di una politica priva di una programmazione di lungo periodo. Sempre più alla mercé di una dirigenze inefficiente si vede sfuggire l'opportunità di un vera...

Guida Montana

Guida Montana

Guida Montana – Non rientra tra le funzioni di vigilanza esercitate da questo Ministero, la possibilità di intervenire affinché si intraprenda una collaborazione operativa tra lo stesso Collegio nazionale e la Regione Sardegna. Un intervento in tal senso dello Stato andrebbe in senso contrario allo stesso spirito della legge, che si limita ad enunciare principi generali per dare un doveroso riconoscimento giuridico e un’adeguata disciplina ad una attività. Il Collegio Nazionale delle Guide Alpine Italiane – comunica – è pronto, sin d’ora, a concorrere alla definizione di una figura professionale che non si sovrapponga all’ambito di competenza della guida alpina maestro di alpinismo.

MAIL PAC, SOLDI PUBBLICI BUTTATI VIA

MAIL PAC, SOLDI PUBBLICI BUTTATI VIA

NOTA STAMPA M5S: MAIL PAC, SOLDI PUBBLICI BUTTATI VIA ROMA, 18 dicembre 2014 – “Solo l’ennesimo sperpero di denaro pubblico. La posta elettronica certificata Cec Pac era un progetto faraonico, inutile e dai costi assurdi, destinato al fallimento fin dalla sua...

Sardegna 1 i ministeri rispondono

Sardegna 1 i ministeri rispondono

COMUNICATO STAMPA Sardegna 1  i ministeri rispondono   Cagliari, 16 dicembre 2014 – «Una situazione che permane critica e sulla quale il Ministero ha dato ampie garanzie per una costante vigilanza, riservandosi la facoltà di promuovere ulteriori accertamenti e...

La Polizia a Cagliari opera a ranghi ridotti    

La Polizia a Cagliari opera a ranghi ridotti    

La Polizia opera a ranghi ridotti
Un grave sottodimensionamento a fronte di un aumento di competenze e attività, con preoccupanti ripercussioni sulla qualità delle condizioni di lavoro e il mantenimento di delicati servizi di controllo e sicurezza.
Al Ministro dell’Interno – conclude Vallascas – viene chiesto di integrare e rafforzare l’organico dell’ufficio, in vista anche di uno sviluppo degli scali di Cagliari, e di avviare procedimenti di reclutamento con concorsi e selezioni per garantire su tutto il territorio nazionale, migliori condizioni di lavoro e altri standard qualitativi dei servizi erogati».
L’ufficio è composto da appena 54 operatori che si devono dividere tra i servizi all’aeroporto di Elmas, al porto di Cagliari e al terminale marino della Saras a Sarroch. Un numero decisamente esiguo a fronte di un aumento anche considerevole del traffico di passeggeri e merci che si è registrato negli ultimi anni e alle nuove criticità operative legate alla presenza, all’interno dell’aeroporto, dell’unico C.P.S.A. della Sardegna.
Al Ministro dell’Interno viene chiesto di integrare e rafforzare l’organico dell’ufficio, in vista anche di uno sviluppo degli scali di Cagliari, e di avviare procedimenti di reclutamento con concorsi e selezioni per garantire su tutto il territorio nazionale, migliori condizioni di lavoro e altri standard qualitativi dei servizi erogati.

Archivi