Poste Italiane: «Tagli insostenibili nell’isola, intervenga il ministero»

da | 25/07/2015 | Atti parlamentari, Interrogazioni, Senza categoria | 0 commenti

Cagliari, 23 luglio 2015 –  «Tagli assurdi che rischiano di accentuare fenomeni come l’isolamento e lo spopolamento di diverse comunità, oltre a creare una molteplicità di disservizi in contesti privi di un adeguato sistema viario».
E’ quanto afferma il deputato del Movimento 5 Stelle, Andrea Vallascas, in un’interrogazione al Ministro delle Attività Produttive in merito al piano di ridimensionamento di Poste Italiane, che nell’isola dovrebbe interessare 16 comuni, e in particolare modo all’impegno assunto da Poste Italiane di rimodulare gli interventi sul territorio in base alle esigenze locali.
«Un lavoro – spiega Vallascas – che avrebbe portato, secondo quanto è stato affermato da Poste Italiane, a rivalutare la situazione di un centinaio di siti in tutta Italia, rispetto alla pianificazione iniziale».
«Per la Sardegna – prosegue – il piano prevede tagli senza alcun apparente criterio visto che  porterebbero alla cancellazione di uffici essenziali come Pirri e Cortoghiana, una frazione di circa tremila abitanti che verrebbe privata dell’unico sportello postale. Stesso discorso per la riduzione di orari e giorni di servizio previsti per altri 14 comuni della Sardegna già in sofferenza per la chiusura di altri servizi pubblici e per l’assenza di un’adeguata rete viaria. Da non sottovalutare che tra gli utenti di Poste italiane si registra un’alta percentuale di anziani».
«E’ evidente – conclude Vallascas – che il piano sia frutto di valutazioni numeriche, non contestualizzate ai casi particolari, ai limiti e alle criticità dei singoli territori. E’ per questo motivo che al Ministro dello Sviluppo Economico abbiamo chiesto di attivarsi per rivedere la situazione dei uffici postali della Sardegna, considerato soprattutto che il piano di ridimensionamento nell’isola avrebbe costi sociali ed economici insostenibili».
Poste Italiane

Poste Italiane

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati

Nucleare, Orsini (Confindustria) spinge ad accelerare

“Senza se e senza ma», il nuovo presidente degli industriali Emanuele Orsini si schiera a favore del ritorno del nucleare in Italia. Il suo ragionamento parte dal deficit di produttività che caratterizza la nostra economia e negli ultimi anni è andato aggravandosi, declinandolo in chiave energetica: per far crescere quella produttività – ha detto Orsini…

EssilorLuxottica, al via un nuovo modello di sostenibilità industriale in Abruzzo

EssilorLuxottica ha recuperato e riconvertito 40 ettari di terreni industriali attorno agli impianti di Barberini a Città Sant’Angelo (PE) per ospitare un parco solare e colture alimentari per le fabbriche EssilorLuxottica sta realizzando un intervento innovativo in Abruzzo che prevede il recupero e la riconversione di terreni industriali attorno alle attività manifatturiere di Barberini, società…

Trasporti: Microsoft Italia e Almaviva insieme per l’innovazione della mobilità (2)

Inoltre, la piattaforma MOOVA sarà messa a disposizione di tutte le realtà dei settori dei Trasporti e della Logistica nel Microsoft Azure Marketplace che include applicazioni e servizi certificati a livello globale. L’accordo tra Microsoft Italia e Almaviva consentirà quindi al marketplace Azure di ampliare la sua offerta su un mercato verticale in forte crescita…

Antitrust: Udicon, rivoluzionare prezzo energia per maggiore trasparenza

“Il prezioso intervento dell’Antitrust è la conferma che il mercato dell’energia elettrica necessita di essere avviato repentinamente verso un cambiamento. Le pratiche scorrette troveranno terreno fertile fino a quando non verrà rivoluzionato il sistema di determinazione del prezzo dell’energia. È necessario introdurre un costo onnicomprensivo per kilowattora, simile a quanto avviene per i carburanti. Solo…

Petrolio, sale import da Africa, Libia prima (2)

“(…) Negli anni ’70 importavamo 25 qualità di greggi da soli 15 Paesi, con i Paesi Opec che ne coprivano circa l’87%, mentre oggi ne importiamo oltre 80 tipi dal doppio dei Paesi, con l’Opec che pesa per meno del 50%»”, continua Murano. La diversificazione “(…) «è un modo per aumentare la sicurezza energetica, superando…

Archivi