Il Paese nelle mani delle 11 correnti del PD. Occupazione e crescita possono aspettare

da | 6/01/2018 | Articoli | 0 commenti

Il puparo Matteo Renzi, defenestrato dagli italiani dopo il 4 dicembre, non è più seduto sullo scranno della Presidenza del Consiglio, ma le fila le tiene lui. “Sgoverna”, cioè fa il contrario di ciò che un uomo con a cuore il bene del Paese dovrebbe fare: sparire dalla vita politica. Il Governo Gentiloni è “sereno” dalla sua nascita, questo lo avevamo capito, è in carica ma non ha il sostegno della sua stessa parte politica e del suo stesso coautore.

Privo di quella legittimazione che dovrebbe avere per rispondere alle emergenze del Paese, languisce dando segni di vita sporadici (vedi il nuovo Salva-Banche). In questi due mesi, dopo settimane impegnate nella campagna referendaria, non si è fatto nulla o quasi. L’attività parlamentare marcisce nella palude, si volteggia, mentre bisognerebbe correre, a fronte di una situazione di assoluta emergenza: occupazione, crescita, zone terremotate, immigrazione e conti pubblici.
Nessuna di queste priorità è stata presa in analisi con soluzioni serie. Segno questo che l’attività dell’intera classe politica al Governo, innamorata di se stessa e dei suoi bisogni, vive una totale cecità e insensibilità a fronte delle decine di emergenze dei cittadini che dovrebbe rappresentare. Ma guai a dirlo, scatta subito, in automatico, l’accusa di populismo e demagogia. Dunque, le cronache politiche di questi giorni riportano una cronaca surreale, la guerra delle undici correnti del PD, la lotta all’ultimo sangue per la conquista della segreteria, le presunte scissioni e i pruriti per la stesura delle liste. Sai quanto gliene frega agli italiani. Tutto torna a girare attorno a Renzi e alla sua bulimia di potere e alla fame di una corte che tiene in ostaggio il nostro Paese da ormai tre anni.
Ingordigia che lo porta a defenestrare la seconda vittima dopo Letta, il suo alter ego Gentiloni. Mentre la vita del nostro Paese si concentra al Nazareno, per distrarre gli italiani, giornali e televisioni, anziché stigmatizzare questa totale irresponsabilità nella cura dell’interesse del Paese, si occupano solo ed esclusivamente di Roma, affidandosi alla fantasia delle sue penne “migliori” per “gossippare”, tagliare e cucire, nel tentativo di spostare l’attenzione e narcotizzare l’indignazione del popolo a fronte di una totale estraneità della classe politica verso la quotidianità del Paese. Cucire una parvenza di decoro è ormai un’impresa impossibile anche per i giornalisti più “scafati”.
Correnti

Correnti

articolo pubblicato su Cagliaripad, all’interno della rubrica CagliariPed – Parlamento e dintorni, il giorno 17 febbraio 2017

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli Correlati

IL 25 SETTEMBRE È GIÀ OGGI. SALVIAMO L’OPPOSIZIONE

IL 25 SETTEMBRE È GIÀ OGGI. SALVIAMO L’OPPOSIZIONE

Cari iscritti, a nome del Comitato Promotore di Alternativa mi rivolgo a voi – e a tutti i simpatizzanti – in un momento politico senza precedenti nella storia della Repubblica italiana. Siete stati con noi gli animatori di questa unica voce di resistenza, che i...

Question time sulle filiere produttive

Siamo dentro un’economia di guerra, inutile negarlo, senza per questo che al momento il Governo abbia approntato misure straordinarie per contenere il rischio di tracollo di intere filiere produttive. Contando che con esse a essere inghiottiti dalla crisi saranno...

Super green pass

Super green pass

Cagliari, 11 gen. - “Il Super green pass per i collegamenti con la penisola è un insulto ai sardi ai cui viene negata la dignità umana in deroga ai principi di uguaglianza tra i cittadini. Una grave discriminazione che sta penalizzando e danneggiando tutti coloro che...

Archivi