Apicoltura – Settore importante per agricoltura e ambiente

da | 29/06/2020 | Senza categoria | 0 commenti

«Un settore importante per l’agricoltura e l’ambiente, che oggi sta attraversando una fase di grave crisi a causa dei cambiamenti climatici, dell’uso di pesticidi e della crescente diffusione in Europa di prodotti adulterati e a basso costo che hanno sovvertito dinamiche di mercato e prezzi. Una situazione che è necessario contrastare con interventi incisivi per salvaguardare i nostri produttori professionisti e le nostre produzioni di qualità».

È quanto sostiene il deputato del Movimento 5 stelle, Andrea Vallascas, che ha presentato un’interpellanza al Ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali sul settore apistico e, in particolare, sugli orientamenti assunti negli ultimi anni da Commissione e Parlamento europeo in materia di tutela e valorizzazione del settore.

«Negli ultimi anni – spiega Vallascas – il settore apistico ha registrato una progressiva contrazione della produttività dovuta principalmente all’aumento della mortalità degli alveari a causa, non solo dei cambiamenti climatici, ma soprattutto dell’impiego di alcuni pesticidi in agricoltura che uccidono o indeboliscono le api, abbreviando la vita dell’insetto e comunque riducendone la produttività».

«Questa situazione – prosegue – è aggravata dalla crescente commercializzazione nei mercati europei di prodotti apistici provenienti prevalentemente dalla Cina, a basso costo perché non naturali ma realizzati artificialmente. Si tratta di miele raccolto non ancora maturo, e successivamente filtrato con resine, deumidificato, portato artificialmente a maturazione e addizionato con sciroppi di origine vegetale. Venduto all’estero e miscelato con piccole quantità di mieli locali, dà luogo a triangolazioni commerciali tra produttori di diversi paesi con il risultato che è sempre più difficile scoprire eventuali adulterazioni del prodotto o, quanto meno, la reale composizione».

«Questa situazione – prosegue – sta mettendo a repentaglio la sopravvivenza delle circa 15mila aziende apistiche italiane. Nel 2019, a fronte di una produzione interna più che dimezzata, il prezzo del miele locale, invece di crescere, è diminuito del 30%. E nonostante questo buona parte delle produzioni locali è rimasta invenduta a causa della presenza di prodotti stranieri a basso prezzo.  Anche in Sardegna, che vanta una lunga tradizione di qualità, con 1.700 apicultori, 60mila alveari e una produzione annua di circa 15mila quintali, ha subito in questi anni una grave contrazione: vent’anni fa la produzione media di un alveare era di 75 kg, oggi di 25.

«Questa situazione – conclude Vallascas – rende necessaria una serie di interventi di salvaguardia e rilancio del settore che, lo ricordo, garantisce l’80% delle impollinazioni in agricoltura. È necessario intervenire nella lotta alla contraffazione, nella difesa del patrimonio apistico, nella tracciabilità del prodotto, nella valorizzazione delle produzioni locali e nella difesa dei produttori professionali»

Apicoltura
immagine presa da https://www.ilgazzettino.it/nordest/primopiano/apicoltura_contributi_api_miele_veneto-4665728.html

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati

Superbonus, Anastasi (M5s): dl antifrodi retroattivo è paralizzante, urge modifica

“Il Superbonus al 110%, nonostante i comprovati effetti benefici sulla nostra economia, sta vivendo una pericolosa fase di incertezza. Non legata solo al “timing” del prolungamento dell’agevolazione per le unità unifamiliari, per le quali il M5s ha già ribadito chiaro e tondo in commissione Industria che serve un’estensione analoga a quella dei condomini, vale a…

L’articolo Superbonus, Anastasi (M5s): dl antifrodi retroattivo è paralizzante, urge modifica proviene da Energia Oltre.

Il Regno Unito richiederà di installare colonnine per auto elettriche nei nuovi edifici

Oggi il premier Tory Boris Johnson dovrebbe svelare il piano green del suo governo. A seguito della Cop26 in molti si aspettano un programma ambizioso. Tra le novità più attese e già arrivate alla stampa, una norma che imporrà ai costruttori edili, a partire dal 2022, di dotare di colonnine di ricarica per i veicoli…

L’articolo Il Regno Unito richiederà di installare colonnine per auto elettriche nei nuovi edifici proviene da Energia Oltre.

Energia, Shell e Norsk Hydro avviano collaborazione per idrogeno verde

Royal Dutch Shell e Norsk Hydro uniscono le forze in nome della transizione energetica. Le due società hanno avviato una collaborazione per valutare la produzione congiunta di idrogeno prodotto da fonti rinnovabili nel tentativo di decarbonizzare le proprie operazioni e di rifornire i clienti dell’industria pesante e dei trasporti, secondo quanto dichiarato Hydro in una…

L’articolo Energia, Shell e Norsk Hydro avviano collaborazione per idrogeno verde proviene da Energia Oltre.

Manovra, Gallone (FI): necessaria proroga e estensione ecobonus

“Accogliamo favorevolmente l’appello che giunge dal Consiglio nazionale della green economy per una legge nazionale sulla protezione climatica. Tuttavia, evidenziamo che per accelerare i tempi è possibile imprimere una svolta sul fronte della tutela ambientale proseguendo con misure all’insegna della sostenibilità come gli ecobonus. Forza Italia chiede da tempo che misure quali il superbonus 110…

L’articolo Manovra, Gallone (FI): necessaria proroga e estensione ecobonus proviene da Energia Oltre.

La Russia ha un enorme potenziale di energia idroelettrica ed eolica

Lo spiegamento di una maggiore capacità di energia rinnovabile è lento a decollare in Russia per ragioni abbastanza ovvie: il paese vanta anche alcune delle risorse di petrolio e gas più abbondanti del mondo. L’energia eolica e l’energia idroelettrica sono le fonti di energia rinnovabile con le migliori possibilità di successo in Russia. È quanto…

L’articolo La Russia ha un enorme potenziale di energia idroelettrica ed eolica proviene da Energia Oltre.

Archivi