Apicoltura – Settore importante per agricoltura e ambiente

da | 29/06/2020 | Senza categoria | 0 commenti

«Un settore importante per l’agricoltura e l’ambiente, che oggi sta attraversando una fase di grave crisi a causa dei cambiamenti climatici, dell’uso di pesticidi e della crescente diffusione in Europa di prodotti adulterati e a basso costo che hanno sovvertito dinamiche di mercato e prezzi. Una situazione che è necessario contrastare con interventi incisivi per salvaguardare i nostri produttori professionisti e le nostre produzioni di qualità».

È quanto sostiene il deputato del Movimento 5 stelle, Andrea Vallascas, che ha presentato un’interpellanza al Ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali sul settore apistico e, in particolare, sugli orientamenti assunti negli ultimi anni da Commissione e Parlamento europeo in materia di tutela e valorizzazione del settore.

«Negli ultimi anni – spiega Vallascas – il settore apistico ha registrato una progressiva contrazione della produttività dovuta principalmente all’aumento della mortalità degli alveari a causa, non solo dei cambiamenti climatici, ma soprattutto dell’impiego di alcuni pesticidi in agricoltura che uccidono o indeboliscono le api, abbreviando la vita dell’insetto e comunque riducendone la produttività».

«Questa situazione – prosegue – è aggravata dalla crescente commercializzazione nei mercati europei di prodotti apistici provenienti prevalentemente dalla Cina, a basso costo perché non naturali ma realizzati artificialmente. Si tratta di miele raccolto non ancora maturo, e successivamente filtrato con resine, deumidificato, portato artificialmente a maturazione e addizionato con sciroppi di origine vegetale. Venduto all’estero e miscelato con piccole quantità di mieli locali, dà luogo a triangolazioni commerciali tra produttori di diversi paesi con il risultato che è sempre più difficile scoprire eventuali adulterazioni del prodotto o, quanto meno, la reale composizione».

«Questa situazione – prosegue – sta mettendo a repentaglio la sopravvivenza delle circa 15mila aziende apistiche italiane. Nel 2019, a fronte di una produzione interna più che dimezzata, il prezzo del miele locale, invece di crescere, è diminuito del 30%. E nonostante questo buona parte delle produzioni locali è rimasta invenduta a causa della presenza di prodotti stranieri a basso prezzo.  Anche in Sardegna, che vanta una lunga tradizione di qualità, con 1.700 apicultori, 60mila alveari e una produzione annua di circa 15mila quintali, ha subito in questi anni una grave contrazione: vent’anni fa la produzione media di un alveare era di 75 kg, oggi di 25.

«Questa situazione – conclude Vallascas – rende necessaria una serie di interventi di salvaguardia e rilancio del settore che, lo ricordo, garantisce l’80% delle impollinazioni in agricoltura. È necessario intervenire nella lotta alla contraffazione, nella difesa del patrimonio apistico, nella tracciabilità del prodotto, nella valorizzazione delle produzioni locali e nella difesa dei produttori professionali»

Apicoltura
immagine presa da https://www.ilgazzettino.it/nordest/primopiano/apicoltura_contributi_api_miele_veneto-4665728.html

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati

Ucraina: crescono problemi per la rete elettrica (2)

“A volte il deficit può persino superare la capacità fisica del sistema energetico ucraino di importare elettricità dall’Europa”, ha detto Kudrytsky, “in una situazione del genere, non importa quanta assistenza di emergenza chiediamo e non importa quanto importiamo, visto che potrebbe comunque non essere sufficiente”. Inoltre, il capo dell’azienda ha sottolineato comunque che al momento…

Auto, UAW cerca organizzare voto in impianto VW Tennessee

La United Auto Workers sta cercando di organizzare per la terza volta un voto nell’impianto VW del Tennessee per una migliore retribuzione e sicurezza. Il voto si concluderà venerdì, secondo quanto riporta Reuters, sottolineando che la fabbrica è diventata un banco di prova importante per il sindacato, che potrebbe influenzare il futuro dell’automotive Usa. “Questa…

Auto elettrica, Tesla lancia in Ue Y a trazione posteriore più economica

Tesla ha lanciato in Europa un nuovo modello di Y a trazione posteriore a lungo raggio più economico rispetto alle versioni precedenti. Lo riferisce Electrek, aggiungendo che la scelta si deve alla necessità di offrire modelli più economici per risollevare la domanda globale elettrica. La vettura costerà 48.990 euro, guadagnandosi il titolo di secondo modello…

Auto elettrica, Alexander Battery Technologies investirà in Ue e Regno Unito (2)

L’azienda internazionale opera in settori chiave come la robotica, le telecomunicazioni e l’e-mobility. Recentemente l’azienda ha aperto una nuova sede a Francoforte per offrire consulenza tecnica su misura per le esigenze dei clienti regionali nei settori e-mobility, robotica, salute e dispositivi indossabili. “L’azienda ha investito molto nel 2023, per farci crescere nei prossimi anni. Abbiamo…

Auto elettrica, Panasonic fornirà batterie a Subaru e Mazda

Panasonic ha stretto accordi per fornire batterie per le auto elettriche a Mazda e Subaru. Lo riferisce Quartz. Mazda ha investito 10.6 miliardi di euro nel suo business elettrico, che stima dovrebbero rappresentare fino al 40% delle sue vendite entro la fine del decennio. Subaru, invece, è in ritardo nella corsa elettrica, ma stima di…

Archivi