Interrogazione Tonno Rosso – Carloforte

da | 17/12/2013 | Atti parlamentari, Interrogazioni, Senza categoria | 0 commenti

Al Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Per sapere – premesso che:

l’attuale quadro normativo sulla regolamentazione della pesca del tonno rosso è definito dal decreto 11 marzo 2013 sulla ripartizione delle quote complessive di cattura del tonno rosso per la campagna di pesca 2013 (Gazzetta Ufficiale n. 97 del 26 aprile 2013);

durante l’attuale campagna di pesca presso le uniche tonnare fisse autorizzate sono site nella Sardegna meridionale e precisamente quelle facenti capo alle società «Carloforte Tonnare P.I.A.M s.r.l.», «Tonnara su Pranu Portoscuso s.r.l.» e «Tonnare Sulcitane s.r.l. e che queste a fronte di un pescato di circa 200 tonnellate, abbiano incredibilmente ricadute quasi impercettibili in termini occupazionali sul territorio di riferimento al punto che ci si chiede dove venga lavorato il pescato;

alla pratica della tonnara fissa sono state assegnate quote nazionali di pescato inferiori al 5 per cento del pescabile indicate dal succitato decreto;

la pratica della tonnara fissa è l’unica a garantire una sostenibilità nella sopravvivenza della specie tonno rosso e questa viene invece penalizzata a favore di pratiche devastanti come la cattura con il sistema a circuizione e che tale sistema favorisce l’azione di rapina degli esemplari;

attraverso la pratica della cattura i tonni vengono trasportati con apposite gabbie sommerse direttamente all’ingrasso in siti di allevamento come quello di Malta, laddove il tonno viene poi lavorato e venduto prevalentemente in Giappone in quasi totale assenza di imposizione fiscale e senza la benché ricaduta in termini occupazionali sull’industria italiana di trasformazione;

tutti i rapporti internazionali al riguardo riconoscono alla pratica dell’allevamento del tonno elevatissimi rischi di inquinamento ambientale e la responsabilità della pesca indiscriminata volta al soddisfacimento della saturazione degli impianti di allevamento i quali, secondo un ben noto rapporto di Greenpeace hanno una capacità produttiva solo in Italia intorno alle 11.000 tonnellate, a fronte di una quota complessiva autorizzata per il 2013 pari a 1950,42 tonnellate;

esistono evidenti difficoltà nel garantire i controlli a bordo e durante gli sbarchi sulle quantità e sulle dimensioni effettive del pescato e del catturato che ancor più può essere velocemente liberato in condizioni di rischio di flagranza;

la progressiva diminuzione della presenza della specie nel mediterraneo non lascia molte speranze sulla sua conservazione e ciò può comportare a breve la chiusura di tutte le attività connesse al suo sfruttamento –:

quali iniziative intenda porre in essere per conformare la normativa all’esigenza di salvaguardia della specie, al fine di consentire un serio futuro alle attività economiche ad essa correlate e salvaguardare gli interessi dello Stato italiano con riferimento alla sistematica elusione del gettito fiscale perpetrata a fronte della pratica del trasporto del pescato dai nostri mari verso quei mascherati paradisi fiscali, come ad esempio i territori maltesi, magari attraverso l’istituzione, come da più parti richiesta della presenza di autorità di controllo site direttamente a bordo dei natanti in azione di pesca. (4-02946)

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati

Accumuli energia, Marchisio (Terna): la soluzione è nell’art. 18 direttiva 944

“L’anello mancante sembrerebbe essere questo articolo 18 del decreto di recepimento della direttiva 944: in poche righe praticamente si dice tutto quello che se lo faremo, a nostro parere e a mio parere personale, è l’anello mancante per sbloccare lo sviluppo massivo degli accumuli che servono al nostro paese”. Questo il pensiero espresso da Luca Marchisio, Head of Strategy di Terna, in occasione della presentazione dell’Osservatorio OIR 2021 dal titolo “L’anello mancante nella transizione energetica: come far decollare il mercato

L’articolo Accumuli energia, Marchisio (Terna): la soluzione è nell’art. 18 direttiva 944 proviene da Energia Oltre.

Istat, corre l’inflazione a luglio spinta dai beni energetici. Benzina alle stelle

Corre l’inflazione a luglio: +1,9% secondo l’Istat, trainata dai beni energetici. Codacons: prezzo della benzina alle stelle: stangata da 312 euro l’anno a famiglia La forte accelerazione dell’inflazione a luglio è di nuovo dovuta ai prezzi dei Beni energetici, in particolare di quelli regolamentati, che registrano così la crescita più alta dal 1996, ossia da quando è disponibile la serie storica degli indici dei prezzi al consumo di questo aggregato (il valore più alto fu pari +16,2% a dicembre 2008).

L’articolo Istat, corre l’inflazione a luglio spinta dai beni energetici. Benzina alle stelle proviene da Energia Oltre.

Auto, a luglio immatricolate 110.292 nuove auto (-19,36% rispetto a luglio 2020)

Il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili comunica che a luglio 2021 sono state immatricolate 110.292 autovetture a fronte di 136.768 immatricolazioni nello stesso mese dell’anno precedente, con una diminuzione di più del 19%. I trasferimenti di proprietà sono stati invece 313.150 a fronte di 273.622 passaggi registrati a luglio 2020, con un  aumento di più del 14%. Il volume globale delle vendite mensili, pari a 423.442, ha interessato per il 26,05% vetture nuove e per il 73,95% vetture

L’articolo Auto, a luglio immatricolate 110.292 nuove auto (-19,36% rispetto a luglio 2020) proviene da Energia Oltre.

Energia, Edf: la riforma rimane la chiave per il futuro

Il futuro di Edf – riporta Reuters – è garantito a breve termine, ma ha bisogno di una profonda riforma per continuare a svolgere un ruolo di primo piano nel medio e lungo termine, ha dichiarato il suo ceo dopo che il governo ha accantonato un ambizioso piano di revisione. Sindacato e fonti hanno sottolineato mercoledì che il governo francese, che possiede quasi l’84% dell’utility, non porterà avanti il ​​piano di ristrutturazione nel prossimo futuro, rendendo quasi impossibile approvare un

L’articolo Energia, Edf: la riforma rimane la chiave per il futuro proviene da Energia Oltre.

Mobilità, Margiotta (Pd): con il Pnrr l’Europa non ha accettato di finanziare le strade

“L’obiettivo del 2050 appare lontano, ma non lo è. I numeri sono raggiungibili. Nel 2006 sembravano lontani i numeri del 2020, ma sono stati raggiunti. Con il Pnrr l’Europa non ha accettato di finanziare le strade, ma ha deciso di finanziare i treni perché sono green (non lo sono gli aerei e le auto). Ma se tutti avessero un’auto elettrica si potrebbero finanziare le strade”. Lo ha dichiarato Salvatore Margiotta, capogruppo della 8a Commissione Lavori Pubblici del Senato della Repubblica,

L’articolo Mobilità, Margiotta (Pd): con il Pnrr l’Europa non ha accettato di finanziare le strade proviene da Energia Oltre.

Archivi