Bricocenter Marconi -interrogazione Vallascas

da | 25/02/2020 | Senza categoria | 0 commenti

Chiusura Bricocenter Marconi, Vallascas (M5s): «L’azienda si rifiuta di ricollocare i dipendenti licenziati in altri punti vendita della Sardegna: siamo di fronte a una palese violazione della dignità dei lavoratori»

Cagliari, 31 gennaio 2020. «Nonostante in Sardegna siano presenti altre strutture commerciali della stessa catena di distribuzione, l’azienda si rifiuta di ricollocare nell’isola i dipendenti licenziati a seguito della chiusura del punto vendita di Cagliari-Pirri. Un comportamento arbitrario e lesivo della dignità dei lavoratori, aggravato dal fatto che, come alternativa al licenziamento, ai lavoratori sarebbe stato offerto il trasferimento in altre regioni».

È quanto afferma il deputato del Movimento 5 stelle, Andrea Vallascas, che ha presentato un’interrogazione al Ministro del lavoro sulla vicenda dei 19 dipendenti del Bricocenter Marconi di Cagliari-Pirri, che saranno licenziati a partire dal primo marzo perché l’azienda ha deciso di chiudere il punto vendita presente da ventisei anni all’interno della Città-Mercato.

«Una situazione assurda – spiega Vallascas –. L’azienda invece di ricollocare i dipendenti nei numerosi punti vendita presenti nell’isola, preferisce dichiarare l’esubero e avviare le procedure di licenziamento».

«Una decisione immotivata – prosegue – anche perché in Sardegna sono presenti altri negozi della stessa catena di distribuzione a cui si aggiungono numerose realtà commerciali collegate. Bricocenter, ad esempio, è una controllata di Leroy Merlin, società che controlla anche Bricoman»

«Si tratta – aggiunge Vallascas – di aziende che operano nello stesso settore e che fanno parte del Gruppo Adeo, presente in Sardegna con diverse società della grande distribuzione: circostanza che consentirebbe un più agevole ricollocamento nell’isola dei dipendenti del Bricocenter Marconi».

«Per tutte queste ragioni – conclude – vorremmo vederci chiaro in questa vicenda. In particolare, vorremmo che il Ministero verificasse il rispetto delle norme sulla tutela del lavoro e della dignità dei lavoratori. Tra le notizie trapelate, infatti, sembra che ai dipendenti siano stati offerti, quale alternativa, un incentivo ridicolo o il trasferimento in un punto vendita lontano dalla Sardegna. Tutte circostanze che, se accertate, indebolirebbero la posizione negoziale del lavoratore che, in questo modo, verrebbe privato della libertà di scelta e costretto ad accettare la soluzione più vantaggiosa per il datore di lavoro».

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati

Mobilità, Margiotta (Pd): con il Pnrr l’Europa non ha accettato di finanziare le strade

“L’obiettivo del 2050 appare lontano, ma non lo è. I numeri sono raggiungibili. Nel 2006 sembravano lontani i numeri del 2020, ma sono stati raggiunti. Con il Pnrr l’Europa non ha accettato di finanziare le strade, ma ha deciso di finanziare i treni perché sono green (non lo sono gli aerei e le auto). Ma se tutti avessero un’auto elettrica si potrebbero finanziare le strade”. Lo ha dichiarato Salvatore Margiotta, capogruppo della 8a Commissione Lavori Pubblici del Senato della Repubblica,

L’articolo Mobilità, Margiotta (Pd): con il Pnrr l’Europa non ha accettato di finanziare le strade proviene da Energia Oltre.

Energia, Gecf: impatto del blocco del Canale di Suez sul mercato del trasporto marittimo di Gnl

La prima metà del 2021 – ha segnalato il Gas Exporting Countries Forum (Gecf) – ha visto un’impressionante volatilità del mercato del trasporto marittimo di Gnl. Dopo essere state contenute per la maggior parte del 2020, le tariffe per il noleggio di gnl per i vettori di turbine a vapore sono salite alle stelle ai massimi record di 124.000 dollari al giorno nel gennaio 2021, spinte da due fattori chiave. In primo luogo, durante la stagione invernale più fredda del

L’articolo Energia, Gecf: impatto del blocco del Canale di Suez sul mercato del trasporto marittimo di Gnl proviene da Energia Oltre.

Apicoltura – Settore importante per agricoltura e ambiente

Apicoltura – Settore importante per agricoltura e ambiente

«Un settore importante per l’agricoltura e l’ambiente, che oggi sta attraversando una fase di grave crisi a causa dei cambiamenti climatici, dell’uso di pesticidi e della crescente diffusione in Europa di prodotti adulterati e a basso costo che hanno sovvertito...

Una diretta al mese! Agricoltura ore 18:30

Dalla questione del prezzo del latte ovino e del grano, ai pagamenti comunitari, all’indebitamento delle aziende, alla fuga dalle campagne: l’agricoltura in Sardegna sta attraversando un lungo tunnel del quale non si riesce a intravedere ancora l’uscita.    ...

Archivi