Ultime notizie
Home » Articoli

Archivio della categoria: Articoli

Abbonati ai Feed

Le due Italie delle tragedie: quella che si rimbocca le maniche e quella che chiacchiera

decine di cittadini con la fascia tricolore erano a Roma, riuniti in un Sit-in di protesta in piazza Santi Apostoli: sono il volto più dignitoso e più coraggioso del nostro Paese Continua a leggere »

Stato e Regione: tra fuffologia e annuncite la Sardegna è il fanalino di coda dell’Europa

Certo che non era necessario che arrivasse l’esito negativo sull’Indice di competitività regionale, ideato dalla commissione europea, per capire che in Sardegna i conti non tornano. Stavolta non sono i gufi a dire che siamo il fanalino di coda per infrastrutture, innovazione, istruzione e livello delle istituzioni, ma la stessa commissione con dati alla mano che potrebbero riportarci verso l’Obiettivo ... Continua a leggere »

Priorità del Governo PD? Un torneo di golf che ci costerà circa 157 milioni di euro

Golf - ryder cup

Ci sono priorità e priorità, ci sono le emergenze di chi dopo Gesù bambino dorme ancora al freddo e al gelo, ci sono gli Enti Locali che devono fare le nozze con i fichi secchi, ci sono i milioni di disoccupati, ci sono i poverissimi, ci sono i risparmiatori beffati. Abbiamo pure Poletti e Alfano, nell’elenco delle sciagure, ma nessuno ... Continua a leggere »

” No alla censura delle idee con il pretesto delle fake news”

Censura

Ci hanno raccontato che eravamo fuori dalla crisi, che eravamo la locomotiva d’Europa, che cresceva tutto, anche le orchidee nei tombini intasati. Ci hanno raccontato che il fenomeno migratorio era sotto controllo, che i voucher avevano fatto emergere il nero e MPS godeva di ottima salute Continua a leggere »

La rivoluzione si fa sulle “A” mentre le donne continuano a morire per mano dei loro aguzzini

rivoluzione si fa sulle “A”

Non riesco a provare interesse per la battaglia boldriniana delle A e per le schiere dei sostenitori della pseudo rivoluzione femminista 2.0, che tutta ruota attorno a un nuovo vocabolario al femminile. Sarà che concentrare gli sforzi per modificare la parte terminale delle parole, mi pare una doccia rapida e free alla propria coscienza a fronte dei veri drammi che ... Continua a leggere »

Poletti e il 36,4% di disoccupazione

Disoccupazione - Il tasso è al 36,4%

Poletti il ministro con il cervello in fuga grazie al quale abbiamo il 36,4% di disoccupazione Se questo Governo avesse un uomo-immagine, di certo sarebbe il bovaro Giuliano Poletti, uomo di apparato per eccellenza: ex PCI, inizia a fare politica nel ’76, grazie alla scalata in Legacoop, il perito miracolato, diventa Ministro, è qui dà i natali alle misure più ... Continua a leggere »

Una poltrona per due: De Vincenti e Calenda

una poltrona per due

Per le vertenze sarde saranno le famose Calende greche. Qualcuno si chiederà dove finiranno le decine di vertenze aperte nella nostra Isola, con il nuovo (si fa per dire) Governo Gentiloni, che non è altro che una ripetizione sfacciata del Governo del fiorentino. Il nuovo Governo ha sentito l’urgenza di dividere la “poltrona”. Adesso abbiamo due ministri, che in teoria ... Continua a leggere »

No alla censura delle idee con il pretesto delle fake news

fake news

La storia insegna che quando si dà fuoco ai libri in piazza non è buon segno e quello che ci prospettano, attenzione, è un rogo ideale nella piazza virtuale dei nuovi strumenti di informazione Continua a leggere »

I Testa e le Puppato: per qualcuno il popolo deve obbedire e non pensare

obbedire

Qualcuno si aspettava che dopo una sconfitta fragorosa e totale come quella referendaria, il PD e larga parte della presunta e autoproclamata intellettualità iniziasse un doveroso mea culpa; Continua a leggere »

Nell’Isola non è più tempo di vicerè o vassalli

Viceré

Erano convinti che il popolo sardo fosse bue: nell’Isola non è più tempo di vicerè o vassalli vassalli Ha vinto il popolo sovrano: il 72,2% dei sardi ha detto No con una affluenza del 62,45%, a fronte di un dato nazionale 59,11% per il No con un’affluenza del 65,47%, a dimostrare che, nonostante una pressione mediatica priva di precedenti, la ... Continua a leggere »